Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

Martedì 19 maggio pomeriggio dalle ore 17 alle 19 e 10 c’è stato il I° incontro nella Casa di Riposo “RSA Belvedere” del Comune di Cassano d’Adda(Mi) ma gestita dalla KCS caregiver Cooperativa sociale; è stato organizzato dal neo Direttore sanitario Francesco Salerno sui problemi del “Coronavirus”(Covid-19) con il “Comitato di Indirizzo e controllo” ed il Sindaco Roberto Maviglia ha invitato i Capi-gruppo consiliari.
(vedi verbale della Presidente dove Mario Albè e Giacomo Forcella vengono criticati dal Direttore, dal Sindaco e dalle colleghe Coppo e Mapelli con Salamini
http://www.comune.cassanodadda.mi.it/upload/cassanodadda_ecm8/gestionedocumentale/verbale_1_2020_comitato_rsa_belvedere_784_15407.pdf e relazione del Direttore sanitario http://www.comune.cassanodadda.mi.it/upload/cassanodadda_ecm8/gestionedocumentale/rsa_belvedere_emergenza_COVID-19_784_15408.pdf)

Ho postato 2 post sui miei blogs https://colomboangelo.wordpress.com/2020/05/22/casa-di-riposo-per-chi-comanda-non-e-successo-nulla-ma-come-mai-si-e-dimesso-albano-ex-cinema-giardino-quasi-sparito-e-mercato-libero-con-meno-mercatari-del-solito-altra-camminata-pomeridiana-risc/ e https://cassanodadda.wordpress.com/2020/05/25/casa-di-riposo-ieri-mattina-in-piazza-garibaldi-si-parlava-della-costituzione-di-una-commissione-consigliare-nel-prossimo-consiglio-comunale-composta-da-inesperti-mentre-la-mozione-di-esp/.

Il 22 maggio Emiliano Proietti ha pubblicato su Facebook la denuncia fatta al Direttore sanitario che l’ha citato per la “Lettera minatoria”:

Il giornalista Stefano Dati ha scritto su “Il Giorno” in data 24 maggio:

La Presidente Luisa Ghidini ha inviato al Direttore de “Il Giorno” una lettera firmata non da tutti i componenti del “Comitato di Indirizzo e controllo” come Sara Magni della minoranza che ha sostituito il dimissionario Giovanni Albano:

Egregio Direttore,
vorremmo innanzitutto ringraziarla per l’attenzione che il suo giornale continua a riservare alla RSA di Cassano d’Adda. E’ importante che la stampa non “abbassi i riflettori” sulla situazione delle Case di riposo per anziani dove, purtroppo, si sono registrate numerose perdite di vite umane. Ogni numero è una persona, un affetto, una storia, una famiglia, un ferita difficile da rimarginare.
Facciamo parte a vario titolo del Comitato di controllo e indirizzo della RSA Belvedere e per una più completa informazione ci permettiamo di esprimerle il nostro punto di vista.
Nell’articolo del 24 maggio il suo giornale riportava le dichiarazioni di due esponenti della politica cassanese che denunciavano l’insufficienza di chiarezza e di dati nell’esposizione del Direttore sanitario.
Noi eravamo presenti a quella riunione e ci pare invece chiaro, nella cruda drammaticità, lo svolgimento degli eventi. Non è nostra intenzione innescare critiche o polemiche. E’ del tutto legittimo ritenere insufficienti o lacunose le dichiarazioni del Dottor Francesco Salerno, ci limitiamo a riportare quanto da noi compreso. Sino a fine febbraio nessuno era consapevole, né a livello locale né a livello nazionale, del “terremoto sanitario”, come definito dall’assessore Gallera, che ci avrebbe colpito.
Sicuramente tutte le istituzioni sanitarie e sociosanitarie, gli ospedali, pronto soccorso, RSA, si sono trovate impreparate ed in ritardo a fronteggiare la situazione. Mancavano gli adeguati dispositivi per la sicurezza personale dei medici, infermieri, medici di famiglia: cose che tutti conosciamo bene. Sono stati recuperati in ritardo ed in misura insufficiente. Di chi la responsabilità? Del Governo, delle Regioni? Non certo delle strutture sanitarie.
A marzo l’epidemia era già diffusa e alto è stato il prezzo che si è pagato. Non potendo fare tamponi, come da disposizione dell’ATS e della Regione Lombardia, era difficile, se non impossibile, preventivamente individuare gli infetti tra gli ospiti e i lavoratori. Diventava palese quando ormai i sintomi erano manifesti e l’epidemia si diffondeva in tempi diversi da ospite a ospite, senza contare gli asintomatici. Era quindi impossibile preventivamente mettere in isolamento ospiti e personale, se non decidere di mettere tutti in quarantena, cosa del tutto irrealistica.
Poi la Regione ha emanato un’altra ordinanza che prevedeva che gli ultrasettantacinquenni, anche con sintomi gravi, non dovessero essere ricoverati in ospedale, ma assistiti all’interno delle RSA.
Negli ospedali con le attrezzature adeguate, anche se insufficienti, e personale specializzato, abbiamo assistito all’ecatombe che conosciamo. Com’era possibile pensare che all’interno delle RSA , che non è una terapia intensiva, che non ha attrezzature e personale adeguato, si potesse intervenire in modo efficace? Si è ritardato nell’isolamento? Si è intervenuti quando si è dimostrato necessario.
Vorremmo ricordare che nelle RSA vengono ospitate persone anziane, allontanate dai propri affetti e dalla propria abitazione, a cui si è legati da ricordi e abitudini. E’ fondamentale creare una nuova socialità in un contesto del tutto estraneo, quindi scegliere di vietare la visita dei parenti e isolare l’ospite non è stata una scelta a cuor sereno, ma si è dovuta fare quando la necessità lo ha imposto.
Non è stato del tutto perfetto e le perdite di vite umane sono state tante e dolorose, ma pensiamo sia stato fatto tutto il possibile e forse anche di più, nella drammaticità della situazione.
Non siamo esperti, ma crediamo che la scelta della Regione Veneto di fare tamponi a tappeto sia stata una scelta vincente, e ha dimostrato di saper affrontare la pandemia.
Chi in Regione Lombardia aveva la responsabilità delle scelte, non certo le strutture sociosanitarie, ha optato per scelte diverse. Per imperizia? Incapacità? Mancanza di mezzi?
Non sta a noi giudicare, pensiamo però che le istituzioni siano state travolte dagli eventi, abbiano perso lucidità ed è anche comprensibile vista la situazione, ma risulta difficile e ingeneroso, individuare i responsabili in coloro ai quali andrebbe il nostro sincero “grazie”, a chi si è battuto in prima linea a rischio della propria vita, privo di mezzi e con disposizioni inadeguate.

Cordiali saluti.
Comitato di Controllo e indirizzo RSA Belvedere
Cassano D’Adda

Firme

Il giornalista Dati ha scritto su “Il Giorno” in data 27 maggio riportando alcune frasi della lettera:

In data 26 maggio Sara Magni ha scritto:
Alla Presidente del Comitato di Indirizzo e Controllo RSA Belvedere
p.c. Al sig. Sindaco del Comune di Cassano d’Addaprotocollo@comune.cassanodadda.mi.legalmail.it
p.c. A tutti i sigg. Consiglieri Comunali (da inoltrare da parte della Segreteria)
Oggetto: Richiesta di sottoscrizione lettera da inviare al quotidiano “Il Giorno” da parte del Presidente del Comitato di Indirizzo e Controllo RSA Belvedere.
Egregia sig.ra Presidente del Comitato di Indirizzo e Controllo RSA Belvedere, La ringrazio per la cortese richiesta di sottoscrizione della lettera pervenutami, in allegato, con la Sua mail in data 25 Maggio 2020, ma senza che la stesura, della stessa, sia stata preventivamente concordata con tutti i membri del Comitato.
La ringrazio perché mi dà la possibilità di fare una riflessione sul compito del Comitato di Indirizzo e di Controllo.
Il Comitato di Indirizzo e di Controllo è stato istituito per finalità ben definite che sono regolamentate dal REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE, INDIRIZZO E CONTROLLO DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE “BELVEDERE” deliberato dal Consiglio Comunale, e nello stesso sono ben evidenziati all’art. 9 i suoi compiti, che mi permetto ricordarLe e riassumere:
-Proposte nel merito di indirizzi tecnico-gestionale;
-Verifica del rispetto Contratti di affidamento o appalto.
Il tutto finalizzato al benessere degli ospiti, che è l’obiettivo principale del Comitato.
Mi sarei aspettata, come nuova componente, una riunione in videoconferenza, un sopralluogo in sicurezza alla RSA, una preoccupazione di come trovare la possibilità, come nella RSA di Trezzo, di fare vedere i parenti attraverso una vetrata, di come poter risolvere il problema della mancanza del fisioterapista per garantire un minimo di mobilità, mi sarei aspettata di capire come passano tutto il giorno gli ospiti.
Tutto mi sarei aspettata al fine di un interesse verso gli ospiti, ma non una sterile polemica politica, che non rientra nei nostri compiti.
Resto allibita e demoralizzata dalla “deviazione delle finalità del Comitato” proposto della Presidente e ciò mi obbliga ad informare il Sindaco e tutto il Consiglio comunale.
Distinti saluti.
Cassano d’Adda 26 maggio 2020.
Il nuovo membro del Comitato
Sig.ra Sara Magni

Ieri mattina il giornalista Dati ha scritto su “Il Giorno” riportando alcune frasi della lettera di Sara contro quella del Comitato:

La Gazzetta Martesana-Adda ha preparato una locandina e 2 articoli dal titolo “irrealistico”, ma quasi uguali tranne l’ultima frase alle pagine 44 e 57:

Read Full Post »

Sabato hanno terminato l’abbattimento dell’ex Cinema Giardino ed hanno portato via ruspe e containers.
Sono entrato coi Dirigenti della “U.S. Pierino Ghezzi” nel campo di calcio dove ho giocato anch’io quando ero giovincello anche in 3^ categoria, poi quando giocava mio figlio Federico e quando ho premiato come Assessore allo Sport che Tesoriere dell’AIDO al Trofeo in memoria di “Francesco Obinu”; i Dirigenti stavano organizzandosi per ripristinare le reti di protezione attorno al campo di calcio con la ditta che ha effettuato la demolizione del Cinema e che dovrà ripristinare anche il campo di calcio in quanto il fondo dello stesso è stato rovinato dalle ruspe che hanno schiacciato il fondo sottostante drenato( pertanto non basta un pò di terra perchè s’allagherà ogni volta che pioverà) dai camions e dai 2 grossi containers scuri.
Qualche giorno prima avevo visto il cordolo del marciapiede per disabili che parcheggiano l’automobile in via Quintino di Vona per l’ingresso al campo di calcio rotto, ma sabato ho visto il camion con rimorchio che entrava in retro nella vietta facendo manovre difficoltose per 10 minuti; ieri stavano sistemando il marciapiede in via Vittorio Veneto.

Post scriptum: come ex cineoperatore speravo in un recupero della struttura come teatro-auditorium-sala per convegni; come ex giocatore di calcio prima, genitore poi e dopo come Assessore allo Sport mi interessa che il campo di calcio venga ripristinato a regola d’arte da una ditta specializzata e non so se la ditta che fa demolizioni sia in grado; appena termineranno di sistemare il marciapiede in via Veneto spero che sistemino anche il cordolo del marciapiede per disabili in via di Vona, altrimenti avviserò il Comune; infine preciso che mi piaceva di più la proposto di Roberto Laboni che voleva fare un parchetto al posto dell’ex Cinema( anzichè un parcheggio) proprio davanti allo stupendo parco della sua villa Borromeo che costeggia la mia via Tornaghi dove un “politicante” locale voleva costruire delle villette a schiera.

Read Full Post »

Martedì pomeriggio dalle ore 17 alle 19 e 10 c’è stato il I° incontro nella Casa di Riposo “RSA Belvedere” del Comune di Cassano d’Adda(Mi) ma gestita dalla KCS caregiver Cooperativa sociale; è stato organizzato dal neo Direttore sanitario Salerno sui problemi del “Coronavirus”(Covid-19) con il “Comitato di Indirizzo e controllo” dove Sara Magni ha sostituito il dimissionario Giovanni Albano( unico rappresentante per la minoranza), c’era la Direttrice KCS, il Sindaco Roberto Maviglia che ha invitato i Capi-gruppo consiliari ma che non erano tutti presenti, c’era anche l’Assessora Arianna Moreschi con l’Assistente sociale.
Mi hanno riferito in 2 che per chi comanda non è successo nulla di grave, nonostante i contagiati( anche metà dipendenti con alcuni a casa in quarantena da 8 settimane) e purtroppo con defunti tra gli ospiti.
Come mai si è dimesso Albano, ma la denuncia è stata fatta?

L’ex Cinema Giardino è stato abbattuto ed è sparito quasi completamente, anche se ieri non l’ho fotografato ma ho recuperato 3 foto di Stefano Dati scattate dall’alto in una casa di fronte:

Ieri mattina il Mercato era libero, ma c’erano meno mercatari del solito; secondo me 2 Carabinieri in pensione che giravano erano troppo pochi.

Altra camminata pomeridiana rischiosa per il “Coronavirus” lungo il naviglio Martesana sino alle chiuse ad Inzago; all’andata 2 ragazze hanno attraversato a piedi senza usare il sottopassaggio, ma le ho avvertite del pericolo mentre una mostrava all’altra la targa della dedica a Valentina(coetanea del mio figlio grande) sbagliandone il nome; alla cascina Regoledo ho fotografato gli stemmi dei Ponti( propietari della banca Cesari Ponti a Milano) proprio sotto i locali dove ho dormito dai miei parenti quand’ero bambino; al ritorno un uomo ed una ragazza in bici hanno attraversato subito dopo il passaggio del TIR; fiori, animali e 4 tartarughe sullo scivolo ad asciugarsi al sole mentre diversi non indossavano mascherine.

Post scriptum: quante persone incivili e pericolose ci sono in giro, le 3 antenne di telefonia al Centro sportivo non faranno male ai passanti, sportivi e studenti? Occorre cambiare per migliorare non solo a Cassano!

Read Full Post »

Ieri mattina alle ore 9 ho partecipato alla santa Messa nella parrocchia di santa Maria Immacolata e San Zeno celebrato dal Parroco che ha dato con precise istruzioni come riportate anche su “Il Portavoce”.

Poi mi sono recato al supermercato U2 senza fare la coda e poi una controllatina al Cinema Giardino dove stavano lavorando ancora per la demolizione; stamattina prima della pioggia ho fatto un’altra visita.

Nel pomeriggio altra camminatina rischiosa per il “Coronavirus” lungo il naviglio Martesana sino alla frazione di Groppello dove 2 ragazze straniere senza mascherine si facevano dei “selfie” sul ponte delle chiuse; più avanti il mercato ben controllato con le solite bancarelle, ma anche quella dei vestiti.
Ho attraversato l’Adda per poi visitare il cimitero di Fara Gera d’Adda(BG).
Ho visto tanti animali, ma sotto il ponticello in mezzo alla palude c’erano 2 cigni, poi raggiunti da un grosso pesce ed infine da 2 folaghe.

Post scriptum: giovedì il mercato si farà? Prabilmente i “politicanti locali” non osano passare in piazza dove il tabellone luminoso appare la seguente scritta

che ho postato su Facebook condividendolo con gli Amici-nemici rimastimi; ma sembra che ne parlassero stamattina in Comune per aprire anche alle altre merci oltre agli alimentari.

Read Full Post »

Settimana scorsa i 6 Consiglieri comunali di minoranza hanno deciso chi sostituirà Giovanni Albano nel “Comitato di indirizzo e di controllo della Residenza Sanitaria Assistenziale(RSA) “Belvedere”“.
Purtroppo c’erano 2 candidati: Sandro Colombo del M5S ed Andrea Savino di Forza Italia che mi ha offerto il posto, ma gli ho risposto che Sandro è la persona più adatta in quanto ex Direttore della RSA ed ex componente del Comitato.
Come minoranza hanno chiesto la testa della Presidente Luisa Ghidini ed hanno optato per Sara Magni; le auguro buon lavoro dato che ci sarà martedì pomeriggio alle ore 17 il I° incontro sulla situazione in RSA tra: Direttore sanitario, Direttrice, Sindaco, Assessora, Assistente sociale comunale, Comitato e Capi-gruppo dei Consiglieri comunali.

I lavori di abbattimento del Cinema Giardino non sono terminati ieri come riportato sul settimanale.
Ogni giorno passo a vedere i lavori in quanto sono molto interessato, non solo per i miei ricordi giovanile; il “LOVE” (amore) natalizio ideato da “Milena Fiori” ed appeso sul palo della luce di fianco al cinema è appropriato per me in questo momento.
Meno male che hanno appoggiato dei pannelli di legno alla parete dei Bonora e stamattina alle ore 8 ho incontrato Andrea Locatelli che ha mostrato il video sull’abbattimento dell’ultima parete che ha fatto ieri.

Ieri pomeriggio ho fatto un’altra camminatina rischiosa per il “Coronavirus” (Covid-19) lungo il naviglio Martesana entrando nel territorio d’Inzago; mi sono fermato ad osservare una famigliola in bicicletta( padre con bimbo dietro, moglie e bimba) che invece di infilarsi nel sottopassaggio dedicata a Valentina(che necessita di un diserbo) mentre attraversavano la strada trafficata per Vaprio; sul campo di calcio dell’Oratorio della chiesa dell’Annunciazione stavano palleggiando col pallone ma erano distanziati, mentre nell’isola ciclo-pedonale alla cascina Volta c’era ancora un assembramento e le mascherine sono un “optional” per alcuni-alcune individui.

Post scriptum: auguro buon lavoro a Sara Magni nella RSA “Belvedere”; spero che al posto del Cinema Giardino non costruiscano un parcheggio, ma un parchetto per abbellire il parco della villa Borromeo; meno male che si vedono degli animali da fotografare; purtroppo c’è in giro della gente senza mascherine ed ho osservato una famigliola in bicicletta( padre con bimbo dietro, moglie e bimba) che invece di infilarsi nel sottopassaggio dedicato a Valentina ha rischiato l’attraversamento sulla strada trafficata per Vaprio.

Read Full Post »

Ieri mattina stavano lavorando per il Cinema Giardino sia in via Vittorio Veneto che in via Quintino di Vona, dove sono entrati i mezzi pesanti nel campo di calcio della Pierino Ghezzi rovinando non solo il campo ma anche la pavimentazione condominiale proprio sopra la roggia che attraversa il parco della villa Borromeo, passa tra il cinema ed il palazzo con negozio-abitazione dei Bonora; in via Veneto c’era parcheggiato un camioncino con autobotte con dei tubi per bagnare la polvere sollevata dalla distruzione del rudere.

La seconda edizione del mercato a Cassano d’Adda(Mi) sembra che sia andata bene grazie ai Vigili, Protezione civile e Croce dell’Adda( settimana scorsa è caduta una signora sul marciapiede sconnesso dalle radici dei tigli e dalle bolognine sollevate-staccate), anche se almeno 2 persone si sono lamentate dell’uscita lontana( una signora aveva 3 borse che ha affidata alla nuova Vigilessa ed a me mentre un uomo dietro il Cancellone della villa Borromeo non voleva proprio ritornare indietro in via Ponchielli per problemi alle gambe tanto da questionare col Capo Ufficio tecnico-commercio Luigi Villa.

Dopo quasi 4 mesi( 20 gennaio) sono uscito per una camminatina pomeridiana, che si è dimostrata molto rischiosa per il contagio da “Coronavirus” (Covid-19) lungo il naviglio Martesana fin quasi ad Inzago. In un’ora scarsa ho incrociato un centinaio di persone, anche nello “Skate park” del Centro sportivo vicino alla sede della Croce dell’Adda c’erano alcuni ragazzini con lo skate board, diversi correvano a piedi o pedalavano anche in coppia senza mascherine, uno ha sputato per terra, sotto il sottopassaggio della strada per Vaprio c’erano 2 ragazzi senza mascherine a parlare ma il più grande puzzava di fumo, 2 mascherine erano gettate a terra, in certi punti sulla strada asfaltata dovevo fermarmi e fare lo slalom tra pedoni e ciclisti; sotto il ponte che porta al Centro sportivo c’erano bottiglie vuote di birra; davanti al ponte “pericoloso” di Leonardo alla cascina Volta c’era un assembramento ed infine in via Tornaghi, dopo l’incrocio con via Casati( con una fila di macchine parcheggiate) ho dovuto avvisare 3 ciclisti( mamma, figlioletto e ragazza) in mezzo alla strada che stavano arrivando 2 auto da via Casati.

Post scriptum: purtroppo persone stupide ed incoscienti ci sono sempre come i 2 adulti coi cani in via Veneto davanti al Cinema Giardino mentre parlano senza mascherine( come si vede nell’ultima fotografia) e meno male che le previsioni del tempo si sono avverate come ieri sera, stanotte ed oggi la pioggia ha lavato e laverà la polvere del Cinema Giardino per chi abita e/o lavora vicino, ma anche per chi ci passa davanti per svariati motivi.

Read Full Post »

Sembra che ieri la minoranza in consiglio comunale si sia ricompattata, grazie a Giovanni Albano(Fratelli d’Italia) che si è dimesso dal Comitato di indirizzo e di controllo della Residenza Sanitaria Assistenziale(RSA) “Belvedere” dato che è l’unico rappresentante, e chiederà l’azzeramento del Comitato; la presidente Luisa Ghidini Comotti(PD) è passata da un “disguido sistemato” su “Il Giorno” ad una letteraccia contro Albano.

I lavori per il Cinema Giardino hanno fatto chiudere giustamente il marciapiede, ma purtroppo hanno ristretto anche la carreggiata vicino al cinema.

Mi avevano riferito dei lavori in Tangenziale ed ieri sono andato a controllare, ma stando sui sentieri sterrati; di fianco a via Leonardo da Vinci ho scoperto pure il ritrovo dei “writers” con bombolette vuote, ma vicino alla Tangenziale ho visto e fotografato passeggiarci sopra anche se è vietato in quanto cantiere: una ragazzina col fratellino ed il cane, un ragazzotto che parlava al cellulare, una ragazza che andava verso l’ex scalo ferroviario e dal ponte sopra la ferrovia una signora nello scalo; i lavori riguardavano solo il trasporto di terra con dei camions dal Lido( dove hanno asfaltato la vecchia stradina) sopra il nuovo ponte sull’Adda sino al nuovo ponte presso il canale Muzza.

Con una settimana di ritardo, rispetto agli altri comuni vicini, anche Cassano d’Adda ha riaperto il Mercato stamattina in via Rossini e nel parcheggio; i cartelli sono stati posizionati attorno ai piccoli tronchi degli alberi rendendo difficoltosa la lettera e stamattina mi sono recato all’uscita in via Ponchielli a ritirare da mia moglie un borsone di frutta e verdura; all’ingresso in via Dante regnava il caos e qualche furbetto-a cercava di scavalcare coda e transenne; prima di mezzogiorno ho fatto un giretto attorno e 2 mercatari mi hanno detto che non va bene fatto così perchè ci sono pochissimi clienti e le bancarelle sono troppo distanziate; difatti c’era una coda tremenda proprio di fronte alla Posta che non apre tutti i giorni come le Banche, mentre l’Assessore al Commercio era in riunione all’aperto dietro il Comune con colleghi e Sindaco col personale comunale.

Post scriptum: spero che si sistemi il corri-ruota nel sottopassaggio alla stazione ferroviaria perchè il pedale si blocca contro il muro troppo vicino, che vengano chiusi i 2 passaggi riaperti sui binari dei treni, che la ciclabile di Cascine San Pietro venga terminata sia prima che dopo il ponte ferroviario e che Sindaco & Soci col personale comunale abbiano deciso qualcosa di buono( nella nuova sede per le riunioni all’aperto) come la sospensione dell’obbligo di pagamento della sosta.

Read Full Post »

Older Posts »